Il Funerale della Saracca a Oliveto (BO)

il funerale della saracca

Un tema che mi interessa moltissimo, sono le tradizioni del nostro paese. In Italia, si sa, ce ne sono tantissime, ogni regione ha le sue, addirittura ogni paese. Nei giorni scorsi vi ho parlato di una tradizione legata al mio paese, la Giubiana. Oggi parliamo invece dell’Emilia Romagna, Oliveto per la precisione, un piccolo borgo in provincia di Bologna. Una delle sue feste tradizionali, bellissima anche per il bambini, è il Funerale della Saracca. Il nome non da molto l’idea di festa, ma non lasciamoci ingannare. In realtà si tratta di un carnevale, anche se spesso viene fatto in piena quaresima.

Un breve cenno storico sulle origini

Si parte da un quadro del Goya del 1816 che ritrae  un gruppo di studenti di Madrid in un corteo funebre presieduto da una sardina o saracca, che simboleggia il digiuno e l’astinenza, Ed in effetti nella regione spagnola della Murcia si tiene ancora oggi una festa parallela. Il significato si trova nella sepoltura della Saracca (o Sardina) come simbolo della miseria e della fame, ed accompagnarla con un corteo funebre è un po’ come porre fine all’inverno e aprirsi alla primavera e alla prosperità.

Sulle colline di Oliveto, nel dopoguerra, questa festa si svolgeva il mercoledi delle ceneri, poi la data è stata fissata la seconda domenica di Marzo, e dagli anni ’80 è stata un crescendo di partecipazione ed interesse. Oggi è la sagra di un giorno più partecipata dell’Emilia Romagna.

Fra gli anni ’70 ed ’80 la festa si svolgeva in due giorni. Il sabato pomeriggio gli organizzatori facevano il giro dei contadini del circondario e venivano accolti con veri e propri banchetti, dando ognuno una damigiana di vino che poi veniva offerta gratuitamente la domenica pomeriggio.  Il fatto della gratuità ha fatto si che la partecipazione all’evento aumentasse notevolmente, per cui le autorità hanno ritenuto di dover regolamentare orari e somministrazione per evitare problemi di ordine pubblico (che peraltro non ci sono mai stati). Nelle ultime edizioni si calcola che abbiano partecipato circa 4000 persone, una cifra altissima per un borgo di soli 40 residenti!.

Come si svolge

La festa si sviluppa nel borgo di Oliveto con uno stand gastronomico principale che propone le classiche crescientine e l’immancabile polenta e saracca. Ci saranno anche numerosi punti di distribuzione del vino e angoli di musica dal vivo. Prima del un vero e proprio corteo funebre con tanto di bara e corone di fiori, si dirige verso una croce, accompagnato da un sottofondo musicale che ogni tanto si interrompe per permettere ai congiunti della vittima di esibirsi nel ballo tipico del funerale, lo “Scucioll”. Giunti ai piedi della , un finto prete vi sale, mentre ai suoi piedi viene seppellita la saracca, e una preghiera in simil-latino accompagna questo rito, con tutti i convenuti in “ginocchiobilis

Come raggiungere Oliveto

Oliveto si trova a 25 km da Bologna, ma con i mezzi non è comodissimo da raggiungere, dalla stazione di Bologna ci vuole molto tempo (circa un ora con cambi vari). Il mio consiglio è di muoversi in auto e utilizzare la navetta (NAVACCA) che il comune mette a disposizione. Lo scorso annola prima Navacca partiva dal parcheggio della nuova scuola di Monteveglio (a 200 mt dal parco Berlinguer) alle ore 11.00 e si alternava con una seconda ogni quindici minuti fino alle ore 14.00. Il rientro da oliveto era previsto dalle ore 16 con la stessa cadenza di quindici minuti fino alle ore 19.00. Il servizio era Gratuito. Troverete informazioni aggiornate indicativamente un paio di settimane prima dell’evento sulla PAGINA FACEBOOK .

Ringrazio il Comitato Olivetano Carnevale Saracca e il gentilissimo Roberto Corradini per le immagini e per il prezioso aiuto.  Per informazioni e contatti consultare la pagina facebook IL FUNERALE DELLA SARACCA OLIVETO

Please follow and like us:
0

2 thoughts on “Il Funerale della Saracca a Oliveto (BO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *