La valigia di Ti voglio bene fino a Dubai

Oggi parliamo di valigie. Preparare la valigia con un bambino non è certo semplice. Matteo vuole sempre partecipare e ultimamente sta diventando un’impresa. Iniziamo ringraziando gli amici Andrea e Ileana di INNAMORATI IN VIAGGIO che ci hanno chiesto il nostro parere in merito. La domanda a cui risponderemo oggi è: cosa mettono in valigia Veronica (mamma) e Matteo (Bimbo)?

Partiamo dal presupposto che io e Matteo facciamo una valigia in due. Viaggiando sola con lui è molto più pratico! Una mano sulla valigia e una mano a Matteo! Poi ognuno di noi ha il suo zainetto personale.

La valigia di Veronica e Matteo:

  • Il Phon: Si io ho una mania, i capelli. Qualsiasi phon che non sia il mio non andrà mai bene. E’ un mio grosso limite, lo so. Ma l’unico modo per fare a meno del Phon sarebbe quello di tagliarmi i capelli a zero (magari prima o poi lo rifarò visto che non sarebbe la prima volta)
  • Il burro cacao: Questa è un’altra delle mie manie! Non posso assolutamente restare senza. E poi non è che uno vale l’altro!!! Eh no! Devo avere il mio, sempre quello, non lo cambio mai. Quindi tassativo, uno aperto e uno nuovo di scorta.
  • Le Havaianas dei Simpson di Matteo: le vuole sempre con se, in ogni viaggio. Scommetto che quando andremo a Rovaniemi a dicembre le vorrà portare. Almeno potrà usarle in albergo!!
  • La valigia degli Avengers: questa non è una cosa che sta in valigia, è la valigia vera e propria. Per Matteo non si può partire senza la sua valigia degli Avengers, nella quale mi ha gentilmente concesso di mettere anche le mie cose e non solo le sue (questo è stato un traguardo difficilissimo da raggiungere per me, non voleva assolutamente cedere)
  • Il mio zainetto della Eastpack: Comodissimo in viaggio. Matteo ha il suo, che porta sempre come bagaglio a mano. ma il mio devo metterlo in valigia, perchè durante il viaggio ho il seggiolino auto in spalla di solito! Ci sta di tutto, documenti, portafoglio, felpina (che non deve mai mancare), Kway (non si sa mai), insomma, tutto quello che può essere utile quando si sta in giro tutto il giorno.

 

Il mio zainetto:

Da precisare che il mio zainetto è piuttosto scomodo perché è il seggiolino auto di Matteo fatto a zaino per metterlo in spalla e una tasca abbastanza ampia per metterci un po’ di cosine. Un pò rigido ma indispensabile all’arrivo quando si ritira l’auto a noleggio.

  • Il mio Kobo: Non potrei mai stare senza libri da leggere. Io adoro leggere, ogni sera, prima di andare a dormire devo leggere un po’. E anche in viaggio è così. Un tempo leggevo anche in spiaggia, ma con Matteo ormai è diventato impossibile. Lui vuole giocare ed è giusto che sia così.
  • La felpina: In aereo senza felpa non posso proprio andare. Non ho un buon rapporto con l’aria condizionata. Se fa veramente caldo ok, ci sta tutta, ma spesso in aereo viene accesa a temperature glaciali anche quando non serve (ricordo un volo gelido da Miami ad Amsterdam).
  • La macchina fotografica: non si può partire senza. Anche se non sono molto brava con le foto, per me è fondamentale averla. Ho tutte le foto su PC divise per cartella e mi piace farle girare sulla TV a casa! Un giorno mi piacerebbe riuscire a fare degli album, ma per ora il tempo a disposizione scarseggia e quindi attendiamo tempi migliori.
  • Tom Tom: non potrei mai partire senza il mio navigatore. Noleggio sempre l’auto quando viaggio, essendo da sola con Matteo le cartine risultano scomode. Quindi Tom Tom con mappa aggiornata del paese che visito sempre con me. Non lo metto mai nella valigia da imbarcare perché se la perdono…
  • Il mio itinerario di viaggio: Lo preparo sempre prima di partire, non molto dettagliato, giusto le tappe principali e ciò che c’è da vedere in ogni posto. Evito orari fissi, con Matteo meglio avere più libertà possibile, altrimenti tutto diventa una corsa. Non importa se qualche luogo da visitare salta perché ci siamo soffermati più in un altro.

Lo zainetto di Matteo:

  • La copertina: da quando è nato, Matteo l’ha sempre con se. Non ha mai avuto un peluche preferito, per lui sempre e solo la copertina. La usa per dormire, se la teneva sempre vicino sul passeggino, oppure se la teneva addosso quando camminava. Ora ha 6 anni e la usa molto meno, però non vuole mai lasciarla a casa.
  • Il tablet con i cartoni animati: In aereo sono un toccasana, soprattutto durante i voli lunghi. Oppure la sera, prima di addormentarsi
  • Un libro: A Matteo piacciono moltissimo i libri, in questo momento i suoi preferiti sono i pop-up. Quindi prima di partire sceglie sempre un libro da mettere nel suo zainetto
  • Hulk: il gioco preferito di Matteo. Senza Hulk lui non va da nessuna parte. Poi rimane in albergo tutto il giorno e ci gioca solo la sera quando rientriamo, però deve averlo sempre con se, in ogni viaggio.
  • Quaderno e pennarelli: come tutti i bambini, ama disegnare. Utilissimi anche per passare il tempo in aereo. Di solito portiamo quelli all’acqua che si lavano con una spugna senza problemi. Almeno evitiamo danni in hotel o in aereo…non si sa mai

Adesso sono proprio curiosa di sapere cosa assolutamente non può mancare nella vostra valigia e per questo chiedo agli amici di:

Please follow and like us:
0

7 thoughts on “La valigia di Ti voglio bene fino a Dubai

  1. Il phon !!! Brava !! Mi è capitato in Puglia che nella masseria non c’era e io non lo avevo portato via. Ho dovuto aspettare al sole un’ore che mi si asciugassero tutti i capelli. e io ne ho una marea !!!!

    1. Io ho proprio una mania per il phon. Devo avere il mio. Nessun’altro mi va bene!!! E anche quando lo cambio, compro sempre la stessa marca!!!!! Sono fulminata😂😂😂😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *